Archivia Agosto 21, 2015

Il mercato obbligazionario

Decidere di investire in Borsa è sempre una scelta difficile, la paura di perdere o logorare il capitale risparmiato con tanta fatica e tanti sforzi è senza dubbio il sentimento più comune, più diffuso ed allo stesso tempo più comprensibile.
In realtà, a differenza di quanto si immagini i titoli azionari non sono tutti incontrollabili ed in gestibili, non sempre si assiste a quelle montagne russe che rappresentano la costante oscillazione dei prezzi. Esistono diversi strumenti che hanno solo oscillazioni minime giornaliere, che hanno dei movimenti di rezzi comprensibili, prevedibili e raramente burrascose. I tratta delle obbligazioni.
Come si legge in questo post, l’investimento obbligazionario è senza dubbio tra i più sicuri per iniziare ad investire in Borsa. Le obbligazioni sono delle promesse di pagamento in cui chi le emette, generalmente Stati o grandi società e banche, si impegna a restituire al compratore il capitale di acquisto ad una determinata data. Ovviamente in cambio di questo “disturbo”, chi emette le obbligazioni versa al possessore un corrispettivo chiamato cedola. Le cedole sono generalmente comprese tra lo 0,5% ed il 10% del capitale. Va da se che maggiore sarà la percentuale della cedola, maggiore sarà il rischio della nostra operazione.
Le obbligazioni sono tra gli strumenti più sicuri, e meno rischiosi, negoziati in Borsa. Tra le obbligazioni più scure troviamo senza dubbio i Bond statali in cui l’unico vero rischio è legato ad un default dello stato, insomma un evento non di certo frequente.
Investire in obbligazioni significa generalmente mettere in piedi un investimento di medio-lungo periodo. Infatti, queste hanno in media scadenze decennali ma possono arrivare anche a scadenze quarantennali. Tutte le obbligazioni, tuttavia, possono essere vendute sul mercato secondario anche prima della scadenza. Qui, in base a fattori economici e politici, il loro prezzo varia giornalmente lasciando campo aperto anche agli investitori di breve periodo. Il mercato secondario è generalmente consigliato agli investitori meno smaliziati.
Le obbligazioni sono lo strumento più utilizzato nei fondi comuni di investimento e come strumento di rivalutazione delle polizze, a prova del loro basso rischio. Dunque, perché non provarci?