Archivio della categoria: Auto e motori

Alta tecnologia in casa Opel per delle auto sempre più innovative

I mercati sono cambiati e anche quello automobilistico, frutto anche della grossa crisi finanziaria, ha subito un mutamento. Le case automobilistiche hanno capito che il cliente finale è la risorsa unica da accontentare ed oggi sono sempre più gli appassionati di settore che, oltre a guardare l’aspetto esteriore e la linea, guardano anche la parte tecnologica delle auto al fine di poterne valutare l’efficienza da un lato ma dall’altro anche per capire come queste tecnologie possono soddisfare quelli che ormai sono dei bisogni giornalieri.

Tra le più attive alla ricerca di un quadro tecnologico di allestimento nelle auto c’è sicuramente Opel con l’applicazione di quanto studiato ed elaborato all’interno delle proprie auto.

L’utente non va più quindi dietro solo alla linea o ai ricambi più adatti e belli proposti dalle case automobilistiche (su www.autopezzistore.it una vasta gamma di scelte) ma guarda sempre più agli aspetti tecnologici a supporto.

In tal senso in ordine cronologico ecco la vasta gamma di tecnologia a supporto della Nuova Opel Astra. Andiamo nel dettaglio.

La nuova Opel Astra presenta dei fari rigorosamente a LED Intellilux con un sistema a supporto OnStar che facilitano i viaggi specialmente notturni con una visibilità per il guidatore senza eguali. Si presenta al mercato con nuove motorizzazioni tra cui il tanto atteso 1.6 CDTI turbodiesel.

Il suo debutto ufficiale in Italia è già arrivato a Novembre del 2015 e i primi dati di vendita sono incoraggianti. Il suo prezzo di listino si aggira intorno alle 18.000 euro e in ordine cronologico è l’11esimo veicolo in casa Opel in termini di modello di produzione.

Rispetto al modello precedente la nuova Astra si presenta praticamente rinnovata in tutto e per tutto. Proprio nel modello Diesel gira l’augurio in casa Opel e del suo Ad (di General Motors) che ha dichiarato che vede proprio in questa motorizzazione la scelta di ben tre quarti delle richieste di vendita che comunque, da studi e previsioni, si aspettano arrivino per la maggior parte da privati.

Così come per il modello precedente anche per la nuova Opel Astra è prevista la versione station wagon: entrambi si sono presentati al mercato con un aspetto assolutamente in linea con le nuove tecnologie e le richieste di mercato.

Alla base della nuova Astra il massimo dell’efficienza: fattori su cui gli ingegneri ideatori del progetto hanno fortemente puntato.

Il veicolo risulta essere anche più leggero rispetto al precedente modello passando dai 357 kg ai 280 kg che di fatto hanno avuto impatti positivi anche sulle prestazioni e sui consumi.

L’abitacolo al suo interno risulta essere più confortevole e abitabile con i sedili certificati AGR.

Frenata automatica, sensori di parcheggio, riconoscimento della presenza tramite Opel Eye, assistenza al mantenimento di corsia sono solo degli esempi dei tantissimi servizi di serie e optional che è possibile trovare o scegliere se non di base.

I consumi risultano essere medi e in linea con le aspettative in tutte le motorizzazioni, sia quelle diesel che benzina.

Le premesse per un successo nelle vendite ci sono tutte ma sarà solo il tempo che farà capire se in casa Opel si è arrivati a mettere sul mercato un veicolo “perfetto” e accattivante al punto da soddisfare i gusti dei propri clienti e di quelli che lo diventeranno per la prima volta.

Approfondimenti sulla Opel Ecotec Motore è possibile anche trovarli su Wikipedia.

Noleggio lungo termine: in Italia è FIAT

La miglior soluzione per avere una auto sempre a disposizione è sicuramente il noleggio lungo termine

Ma sai cosa è il noleggio lungotermine?

A seguito di una stipula contrattulae si ha a disposizione una vettura per una durata che parte dai 24 a 48-60 mesi, nel caso della società Nolo Subito, si arriva con certezza ad una durata massima di 60 mesi, è un modo comodo per poter utilizzare una vettura pagando solo un fitto mensile, la soluzione ben si presta a soddisfare esigenze di aziende, pmi e persino professionisti e privati.

Sicuramente è un settore economico in grande crescita e lo dimostra il numero di flotte presenti in Italia dove, si conferma anche per il 2015 regina incontrastata la ex FIAT oggi FCA con il più grosso numero di vetture in flotta noleggio lungo termine su tutto il territorio nazionale grazie alla fitta rete di società captive, (35,3%), seguita da Volkswagen (8,5%)

Mentre la vettura più richiesta è la agile e scattante FIAT PANDA possibilmente idonea al traffico cittadino e ai percorsi medio lunghi, è infatti l’auto noleggio lungo termine che piace un po’ a tutti dai privati alle aziende, immediatamente dopo arrivano le tedeschissime compatte come la Volkswagen Golf.

Il noleggio lungo termine è in genere destinato alle aziende e alle PMI ma non mancano sicuramente proposte che possono interessare anche i privati sebbene coloro che, grazie agli sgravi fiscali, riescono ad avere ottime proposte sono i professionisti.

Se noleggiare un auto conviene è pure vero che investire nella creazione di una società di nolo auto è una soluzione interessante cosa che è stata capita così bene ed infatti nel Bel Paese si trovano tantissime società di noleggio lungo termine tanto è vero che nel 2014 sono state immatricolate  162.012 vetture destinate al noleggio a lungo termine: l’11,9% del totale delle auto nuove targate nel nostro Paese. Dati che fanno impressione, nel 2015.

Magneti MPI: l’importanza di una scelta di qualità

Utili, potenti, assolutamente indispensabili in campo industriale, i  magneti  rappresentano spesso una parte importante di tanti oggetti che usiamo nella vita di tutti i giorni. Fanno parte dei motori, sono utilizzati nella risonanza magnetica, in ambito automobilistico. Non ultimo, chi di noi non ha un magnete appeso al frigorifero che sostiene una foto importante o magari l’assicurazione da pagare?
La  MPI Magneti Permanenti Industriali Srl,  azienda leader nei campo dei magneti che opera in Provincia di Milano propone un ricco catalogo degli oggetti in questione, di potenze, forme e utilizzi differenti, a partire dai potentissimi Super Magneti  realizzati con il  Neodimio, fino alla  polvere di ossidi.
Abbiamo detto  Neodimio: grazie ad una lega di terre rare,  Neodimio  appunto, ferro e boro, attraverso una precisa lavorazione che contempla una serie di passaggi, prende vita il  magnete al neodimio.  Capace di resistere a temperature oltre i 200 gradi, di esercitare una potenza nettamente superiore ad altri tipi di magneti. Esso viene in genere usato nell’industria pesante, in quella militare, aereospaziale e medicale, solo per citare alcuni settori.
Sempre realizzato mescolando il neodimio con ferro, gomma e boro, otteniamo il  Neorub: ha un’ottima densità energetica ma è flessibile come la gomma,  ci si fanno i generatori come anche i piccoli gadget.
Pensati invece specificatamente per uso professionale, sono i  magneti ceramici super potenti (Ferriti), usati fin dagli anni ’50. Sono realizzati da ossido di ferro e da carbonato di bario o stronzio. La sua caratteristica principale è che possono essere magnetizzati e smagnetizzati senza perdere in alcun modo le proprie caratteristiche.
Anche la  gomma magnetica  (Plastimag)  è protagonista di tante lavorazioni: è realizzata con matrici di gomma e ossidi di ferrite che la rendono un prodotto resistente ma molto flessibile.
Non esistono solo le  gomme magnetiche  ma anche  le  ferriti plastiche (Ferplastic),  perfette per ridurre il lavoro il fase di assemblaggio: infatti possono essere costampate e realizzate nella forma geometrica richiesta dal cliente. Un’alternativa più potente è rappresentata dal  neodimio plastico (Neoplast).
La  MPI Magneti Permanenti Industriali Srl  produce anche i magneti in  Samario Cobalto, usati nei settori elettromedicali, i  magneti in lega Fe-Al-Ni-Co  (Alnico)  e infine la  polvere di ossidi  compatibile con gomma e PVC: una scelta davvero ampia, per chi necessita nel proprio lavoro di avere a disposizione questi importanti strumenti.

Visura Pra online: dove trovarla

La visura Pra è un documento che si può richiedere a qualsiasi sportello Aci, ma spesso non è possibile trovare il tempo per andare a fare la fila. Ai giorni nostri il mercato delle auto usate si è evoluto e le offerte viaggiano online.

 

La visura Pra, che prima poteva servire solo ai concessionari, oppure a chi voleva sapere se c’erano delle irregolarità sul pagamento dei bolli; ora diventa necessaria per capire se stiamo acquistando l’auto giusta e se l’offerta su internet risponde davvero a un veicolo reale ed effettivamente esisente.

 

Se vogliamo accertarci sulla validità della proposta e sulle condizioni del mezzo (almeno a livello fiscale) la visura Pra online diventa allora l’unico strumento disponibile. Generalmente, negli annunci per le auto usate compare il numero di targa del veicolo (il mancato inserimento del numero di targa è un pessimo segnale) e una breve ricerca della visura Pra online mostra in un colpo d’occhio tutto quello che serve.

 

Digitando la targa sui siti dedicati alle visure di questo tipo, si può già sapere se questa è falsa o se corrisponde effettivamente a un’auto in vendita. Al termine della ricerca, la visura Pra online mostrerà nei dettagli la data di immatricolazione del mezzo (anche questo dato può essere falsificato per “rinnovare” il veicolo e modificarne il chilometraggio) e altri dati utili per capire se l’offerta non rispetta brutte sorprese.

 

La visura Pra online è consultabile velocemente anche da cellulare. Questo consente di difendersi quando “l’affare” avviene di persona: al momento della firma del contratto, se il venditore non riesce a dare spiegazioni esaurienti sul mezzo, gli elementi non chiariti possono costare molto cari.

 

Oltre al sito dell’Aci, tantissimi sono i portali online che si offrono di cercare una visura Pra per voi: questi portali permettono di trovare un documento anche se l’ufficio di competenza è lontano o se, per concludere la trattativa, si ha a disposizione poco tempo.

 

La visura Pra online, purtroppo, non ha lo stesso valore legale di una visura richiesta allo sportello sebbene contenga le stesse informazioni: si tratta di uno strumento di consultazione e, anche se stampato, in tribunale potrebbe non essere considerato.


Si consiglia di utilizzare quindi la visura Pra online per evitare truffe e di richiedere il documento originale allo sportello solo in casi specifici.